Food e farmacia, un rapporto difficile

dati_di_mercato_farmacia_free_from

A Mangiaregiusto 2016 si  è parlato del mercato dei prodotti free from nei diversi canali distributivi, con un approfondimento dedicato alla farmacia, che per l’acquisto di prodotti legati alla salute rimane il punto vendita di elezione per il consumatore.

Ma i dati presentati da Simona Tarquini di Quintiles IMS evidenziano qualche criticità. Il totale mercato (dati anno mobile terminante ad agosto 2016) mostrano un giro d’affari totale di 160,5 milioni di euro, con una flessione del 4% e addirittura del 25% in parafarmacia, un trend ben diverso rispetto a quello registrato in Gdo:

Il boom del free from nel carrello della spesa

Non per questo, però, le aziende trascurano il canale. Sono quasi 300 i produttori che commercializzano prodotti free in farmacia, con 1.500 referenze vendute nell’ultimo anno a un prezzo medio di 4,05 euro. Nel periodo considerato sono state 150 le aziende che hanno inserito nuovi prodotti, con oltre 400 lanci a un prezzo medio di 3,98 euro per un valore di 11,2 milioni di euro.

Sul trend negativo pesano diversi fattori. La progressiva estensione della possibilità di utilizzo dei buoni emessi dalle Asl per i consumatori celiaci, per esempio. Ma anche una cronica difficoltà di gestione del prodotto alimentare che da sempre caratterizza la farmacia. Problemi legati agli spazi espositivi, allo stoccaggio in magazzino, alla gestione delle scadenze, hanno sempre frenato le potenzialità nel food nel canale e oggi la forte competitività degli altri canali sta facendo il resto. Da una parte l’aggressività commerciale della Gdo, dall’altra la competenza specifica degli specializzati, sono diventati un grosso ostacolo per il farmacista, che deve attuare scelte precise: investire per diventare a sua volta un punto di riferimento per l’alimentazione nei confronti dei propri clienti e pazienti o snellire al massimo gli assortimenti relegando il food a un ruolo di servizio.

Sono disponibili gli atti del Convegno Mangiaregiusto 2016. Per info e approfondimenti: marketing@mangiaregiusto.it